Home Page » I Servizi » Servizi sociali » Terza età
Terza età

PASTI A DOMICILIO

Il servizio è rivolto ad anziani e disabili adulti che, anche temporaneamente, non sono in grado di provvedere in autonomia alla preparazione del pasto e non possono contare su risorse familiari. Il pasto viene consegnato in contenitori termici, dai volontari del Servizio Civile del Comune.
Il servizio prevede una compartecipazione al costo a carico dell'utente determinata in base all'ISEE.
Per l'attivazione del servizio compilare il modulo e inviarlo via mail a info@comune.lodivecchio.lo.it.

Menù pasti

SPORTELLO BADANTI

Lo Sportello Badanti attivato nel nostro Comune è gestito direttamente dalla cooperativa sociale “La Casa dei Nonni”, in collaborazione con il Servizio Sociale comunale. Il progetto si pone un duplice obiettivo: da una parte fornire una risposta a chi cerca un supporto domiciliare per i propri cari, dall’altra offrire lavoro a chi si candida come assistente familiare.

Attraverso lo sportello è possibile usufruire di più servizi, complementari tra loro. Anzitutto è possibile la selezione di una badante. La fase preliminare di valutazione avviene attraverso colloqui con la referente della cooperativa; tali contatti sono finalizzati alla valutazione del curriculum per verificare precedenti esperienze e referenze, nonché la disponibilità di orario dei candidati. I candidati possono contattare direttamente la cooperativa attraverso un numero di telefono e una mail dedicati. Inoltre, lo “Sportello Lavoro” del Comune potrà segnalare autonomamente dei curricula qualora intercettino alcuni profili idonei. La cooperativa verifica i requisiti per l’iscrizione dei candidati al Registro Assistenti famigliari dell’Ufficio di piano; nel caso in cui l’aspirante badante non li possieda, offre la possibilità di effettuare uno stage di trenta ore presso la “Casa di Teresa”, comunità alloggio sociale per anziani, sita presso Lodi Vecchio, al fine di verificarne attitudini e capacità. Tale passaggio è funzionale alla possibilità per l’anziano che assuma quell’assistente, di usufruire del bonus assistenti familiari messo a disposizione da Regione Lombardia.

Lo Sportello Badanti poi supporterà le parti durante la contrattualizzazione della badante, garantendo l’assunzione con contratto collettivo nazione colf-badanti, al fine di offrire una tutela supplementare rispetto alla collaborazione con partita IVA, modalità spesso adottata dalle agenzie provate al fine di ridurre i costi incrementando il proprio margine di profitto. Questa fase si può finalizzare sia con la cooperativa “La casa dei nonni”, che provvederà direttamente alla contrattualizzazione del candidato scelto dall’anziano, oppure dall’utente stesso attraverso il sostegno del patronato. Tale scelta può variare anche in funzione della possibilità di usufruire del bonus assistenti familiari messo a disposizione da Regione Lombardia e del tipo di assistenza richiesta.

Lo sportello badanti aiuterà inoltre a modulare l’assistenza in base alle specifiche necessità dell’anziano: si potrà, ad esempio, optare per classica badante diurna o convivente, per una badante “a ore”, per l’assistenza ospedaliera fino alla collaborazione domestica. Tale intervento non ha la presunzione di garantire un casa management strutturato, tuttavia costituisce un’interessante opportunità per l’utente, a cui verrà formulata una proposta che sappia leggere la complessità del bisogno assistenziale.

Le attività di promozione e diffusione dello Sportello badanti sono garantite dai patronati, attraverso l’affissione di locandine e manifesti dedicati esposti nelle aree più frequentate dall’utenza (quali farmacie, centri diurni per anziani, caffetterie), e la promozione attraverso le principali piattaforme dei social media.